«Blu Luna»: un film nato dopo il primo lockdown

Angelo Fortuna è il regista del film «Blu Luna» che la giuria del festival ha ammesso alla finale 2023. Ecco cosa han risposto alle nostre domande:

Perché ha deciso di girare questo Film?
Cercando di star lontano da qualsiasi retorica, credo di aver inconsciamente interiorizzato il senso di sopraffazione nei confronti di qualcosa che inizialmente sembrava indefinibile. Il soggetto nacque in seguito al primo lockdown e credo che in parte abbia influito. Più concretamente immagino che i film si girino per passar del tempo con le persone con cui ti piace lavorare.

Su quale tema vuole richiamare di più l’attenzione di chi lo guarda?
Ognuno tragga ciò che preferisce. Spero di esser riuscito a costituire uno spettro umano adeguatamente ampio affinchè tutti possano empatizzare con i protagonisti. Vorrei che si ponesse l’attenzione sugli attori.

Che messaggio intende lanciare con questo film al mondo del cinema?
Non ho la pretesa di voler lasciare un messaggio. Preferisco formulare delle domande piuttosto che fornire risposte. D’altronde “lasciare un messaggio” dall’alto dei miei 19 anni sarebbe una grande dichiarazione di arroganza.

Torna in alto